Libri consigliati

Ogni mese un libro da scoprire

Nordovest bardato di stelle

di Giampiero Pani

«Un libro infiniti viaggi»

Recensione di Cristiano Baldissera

Con 'Nordovest bardato di stelle' stiamo parlando innanzitutto di un romanzo ingegnoso e ispirato, un romanzo maturo nonostante si tratti di un'opera prima. L'equilibrio tra la complessita', la ricchezza della trama e i colpi di scena ne rende appassionante la lettura.

Siamo a Torino nell'estate del 1996. Tommaso a causa di un piccolo incidente in vespa e' costretto a rimanere in citta' invece di raggiungere in montagna Lara, la sua compagna. Questo apparentemente innocuo incidente dara' inizio ad un'avventura che si dipanera' tra varie epoche e luoghi remoti alla ricerca della verita' sopra un mistero concreto, storico, ma che in maniera speculare ci parla di un mistero interiore del protagonista e dell'uomo in senso lato.

Sebbene il meccanismo motore della narrazione rientri nel genere del thriller, con la sua continua tensione che spinge il lettore a seguire con attenzione lo svolgersi delle vicende e ad ipotizzare i possibili sviluppi, si tratta pero' di un thriller insolito poiche' larghissimo spazio viene concesso al racconto di vicende parallele, all'emergere di memorie vicine e lontane, e all'approfondimento di innumerevoli e affascinanti temi.

E' un romanzo che nel condurci si interroga, non da' nulla per scontato o per acquisito, e porta in questo modo anche il lettore a mettersi in gioco. In questo senso soprattutto possiamo dire che il tema centrale si riveli quello del viaggio.

Ma il significato stesso del viaggio rimane qualcosa da scoprire. Il viaggio come opportunita' di conoscere il mondo o come fuga dal mondo? Quel che e' certo: il viaggio come occasione per meravigliarsi, per ritrovare uno sguardo disincantato, fanciullesco e primitivo sul mondo.

L'atmosfera onirica, con il suo concatenarsi di scenari sempre nuovi sembra prevalere. La magia, il soprannaturale sembrano prendere il sopravvento. Riuscira' infine l'arma della razionalita' a restituire un senso, un significato o sara' invece il cuore con i suoi misteri ad avere la meglio?