Storia

La genesi di SetteLibri

L'idea come una scintilla


L’idea di creare un archivio in cui fosse possibile mettere in comune i titoli di libri fondamentali, legati al proprio percorso formativo, è nata a metà degli anni Duemila durante il mio percorso universitario.

Avevo cominciato a notare come, all’interno dei miei studi di ambito umanistico, in diversi casi i docenti aggiungessero nella bibliografia, in vista dell’esame, alcuni libri, sia saggi sia romanzi, che intuivo non essere solo legati ai temi specifici del corso ma ad una più intima esigenza del professore di condividere con i propri allievi alcune colonne portanti del proprio bagaglio intellettuale.

Questi libri si rivelavano essere nella maggior parte dei casi delle letture uniche e rivoluzionarie, e finivano per costituire dei punti di riferimento imprescindibili per la mia personale formazione. Un esempio tra tutti è quello del romanzo 1984 di George Orwell, che mi fu proposto addirittura all’interno di due diversi corsi universitari, uno di storia e l’altro di filosofia.

Da queste prime esperienze nacque in me la curiosità di rivolgermi direttamente ai docenti per chiedere quali fossero, a loro parere, le letture consigliate per una formazione umanistica e scientifica completa.

La prima timida spinta è arrivata ora a concretizzarsi in questo sito, dove ognuno potrà condividere con gli altri utenti una lista di massimo sette libri senza alcuna discriminazione tra generi letterari (saggi, romanzi, raccolte di poesie, ecc.) e materie (dalla mitologia antica alla fisica quantistica).

Cristiano Baldissera